Previsioni corona-virus, parte 1: le origini

In questo momento di particolare apprensione in cui tutti siamo sottoposti a dure prove, non possiamo far altro che chiederci quanto durerà? Quando finirà! La risposta è nelle stelle.

Per poter leggere il futuro dobbiamo necessariamente saper leggere nel passato; tutto ciò ci riporta al lontano 11/08/1999 alle ore 12,45 quando un’eclisse totale di sole oscurò la terra. Osservando le stelle di quel giorno appare evidente il messaggio scritto in cielo: – i quattro cavalieri dell’apocalisse sono venuti tra noi per darci un monito a non perdere la “giusta via”.

Ma andiamo per ordine. Basta osservare il grafico per notare come i pianeti si fronteggiano in quadratura e in opposizione formando una grande croce che coinvolge i quattro cancelli del potere, ovvero i segni fissi, Toro (Toro), Leone (Leone), Scorpione (Aquila) e Acquario (Angelo) ossia il cavallo bianco, Gesù (Sole in domicilio congiunto alla Luna), il cavallo rosso, la guerra, (Marte in domicilio in Scorpione), il cavallo nero, la carestia, (Saturno in Toro) e il cavallo opaco, la morte in seguito a malattie infettive (Urano in domicilio in Acquario). Un altro evento straordinario avvenne circa un anno dopo, nel maggio del 2000, quando sette pianeti si sono congiunti (Sole, Luna Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno), nel segno femminile del Toro domicilio di Venere che rappresenta il principio femminile, l’archetipo della Dea, l’anima o la nostra fonte creativa. In questa importante apertura, il divino femminino vuole dare vita al nuovo mondo, alla nuova era dell’Acquario, elevando e risvegliando l’umanità ad un livello evolutivo più avanzato, esortandoci ad amarci l’un l’altro, ad unirci tutti in un unico abbraccio ed a ricordarci che siamo tutti figli della stessa “Madre terra”, la quale abbiamo il dovere di rispettare, accudire e proteggere, perché un’altra Madre non ci sarà.

Ma l’uomo è di dura cervice, pronto a vendersi per niente pur di conquistare un posto di potere continua a disprezzare Madre Terra, la quale non ha altro mezzo per difendersi se non castigare l’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *